Toscana: Corso Professionale per Sommelier

La delegazione di Arezzo ha visto il suo primo anno di nascita nel 1975 grazie al contributo fondamentale di Silvio Peri, primo delegato nonché membro dell’allora giunta nazionale. Silvio Peri è ancora oggi un grande punto di riferimento per tutti noi sommeliers, insieme alla moglie Paola, altra importante portabandiera della Delegazione essendosi qualificata tra i primi tre “miglior sommelier d’Italia” nel 1979, 1980, 1984.

Dal 1975 ad oggi la Delegazione ha fatto grandi passi, attualmente 445 associati in provincia di Arezzo, di cui: Sommeliers Professionisti 52, Sommelier 285, soci non sommeliers 108, di cui come figure professionali abbiamo: Membri di Giunta Nazionale 1, Commissari d’esame 1, Relatori abilitati 15, Degustatori ufficiali 39, Tutor assistenza corsi 24, Sommelier Gruppo Servizi 95.
Un considerevole incremento dovuto anche all’imponente lavoro svolto dal precedente delegato Lorenzo Giuliani. Nei suoi sedici anni di lavoro ha condotto la delegazione in un crescendo continuo ed anch’io devo a lui la mia formazione come sommelier e delegato, ha curato la mia preparazione e mi ha trasmesso le sue esperienze. Mi trovo così alla guida di un gruppo forte, veri “talenti”, come Luca Martini: *Miglior Sommelier Toscano 2007, *Semifinalista Miglior Sommelier d’Italia 2007 *Finalista Miglior Sommelier d'Italia 2008 *Campione Italiano Master Sagrantino 2008 *Campione Italiano Master sui Vini Passiti e da Meditazione 2009 *Miglior sommelier italiano 2009, Cristiano Cini: *Miglior Sommelier Toscano 2003 *Campione Italiano Master Sangiovese 2005 *Finalista Miglior Sommelier d'Italia 2006, 2007 e 2008, attualmente membro della giunta esecutiva nazionale AIS e responsabile dei concorsi nazionali, Simona Bizzarri: *Miglior Sommelier Toscano 2008 *Semifinalista Miglior Sommelier d’Italia 2008 *Campione Italiano Master Sangiovese 2008

Qual è il ruolo del delegato all'interno della delegazione?
Tecnicamente un delegato è colui che dal Presidente regionale acquisisce una serie di poteri che permettono di ottimizzare i lavori all’interno della Delegazione Provinciale. Mantiene perciò i contatti con le istituzioni, la produzione e i consumi, inoltre nel nostro caso, è il delegato che, appunto, delega. Non riuscirei a realizzare tutte le iniziative e i corsi se non avessi al mio fianco una squadra che si impegna con dedizione. Tra i sommeliers di Arezzo si è creata un'atmosfera di collaborazione e disponibilità che mi permette di gestire al meglio l'organizzazione.

Cosa deve fare chi vuole diventare sommelier?
Per essere un sommelier è necessaria la frequentazione dei corsi Ais che preparano adeguatamente chi parte anche come semplice appassionato o curioso e accompagnano il corsista attraverso la conoscenza del mondo del vino e, cosa più importante, attraverso l’esperienza diretta della degustazione e dell’analisi sensoriale. Se qualcuno desiderasse informazioni più precise sui corsi le potrà trovare sul nuovo sito www.aistoscana.it, delegazione Arezzo.

Cosa vuol dire essere sommelier?
Un sommelier acquisisce la capacità di sapersi muovere con disinvoltura all’interno del mondo del vino, sia italiano sia straniero, riconoscendo in esso pregi o difetti, qualità e caratteristiche. Grazie allo studio in aula e alle prove pratiche ben abbinate è in grado di riconoscere, presentare e servire con cura il vino adeguato ad ogni situazione e poter creare l'abbinamento giusto con il cibo, oltre a promuovere e divulgare la conoscenza e la varie produzioni enologiche.

Oltre ai corsi quali altre iniziative sono organizzate dalla delegazione?
Naturalmente un appassionato di enogastronomia che vuole diventare sommelier ha bisogno di mettere in pratica ciò che ha studiato ed appreso, per questo cerchiamo di soddisfare il più possibile le nostre esigenze, senza dimenticare il piacere. Il nostro programma è molto fitto: siamo costantemente impegnati con visite alle cantine, degustazioni guidate, incontri con personalità di spicco del mondo dell' enologia e dell'enocultura, cene a tema.

Esistono iniziative della delegazione aperte anche ai non soci?

Le iniziative sono molte, basandosi sulla necessità di un continuo aggiornamento sul vino sia per i sommeliers che esercitano la professione che per tutti coloro che amano ampliare il proprio bagaglio di conoscenze. Spesso quindi diamo la possibilità a chi non è iscritto di partecipare alle iniziative, pur dedicando la priorità al nostro gruppo di associati. Sono occasioni interessanti, dove chiunque partecipi si può confrontare con le nostre esperienze, e con le conoscenze di sommeliers esperti. Per chi desidera informazioni in merito, può richiedere l’iscrizione alla mailing list della Delegazione facendone richiesta a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Quali iniziative sono organizzate per la valorizzazione dei prodotti del territorio aretino?
L’Associazione Italiana Sommeliers Delegazione di Arezzo si impegna attivamente nella promozione dei prodotti locali, ritenendola un fattore fondamentale di conoscenza e sviluppo. È necessario per i sommeliers aretini conoscere prima di tutto i vini e i produttori del proprio territorio, punto di partenza per un confronto con le realtà nazionali ed estere. L’associazione si impegna anche, collaborando con enti pubblici e privati, nella promozione dei prodotti al di fuori della provincia, partecipando a fiere ed eventi in stretto contatto con la Provincia, la Camera di commercio e l’Associazione Strada del Vino Terre di Arezzo.

Entro la fine del mese di gennaio sarà on line la la nostra guida sui vini aretini9 e prodotti del territorio www.viniaretini.it.

Corso Professionale per Sommelier A.I.S.
BIGtheme.net Joomla 3.3 Templates