Custoza: visite alle cantine

Solo 400 persone divise in gruppi parteciperanno alla manifestazione «Camminando nel Custoza» Previsti assaggi di vini e di piatti tipici del territorio. Dall'amore per la terra del Custoza dei cantinieri, dei ristoratori e dell'amministrazione comunale nasce «Camminando nel Custoza», una passeggiata nella storia e nella cultura del vino.

L'idea rientra nel quadro delle iniziative per la valorizzazione permanente dei luoghi risorgimentali con la presenza dell'ossario e con il suo messaggio. Come tiene a sottolineare l'assessore alla cultura, Filippo Bricolo, «sono nove tappe, nove cantine e le emozioni di un paesaggio disegnato dalla mano dell'uomo, testimone della storia. I partecipanti, massimo 400 persone, divisi in gruppi di 57 persone, accompagnati da guide, avranno modo di apprezzare le bellezze naturalistiche e di gustare i nostri vini accompagnati da piatti preparati dall'associazione ristoratori del Custoza». «Sarà un tuffo nella natura, nella storia e nei luoghi risorgimentali», prosegue Bricolo, «oltre che un'occasione per conoscere il processo produttivo del vino». Il Comune ha dovuto chiudere le iscrizioni per il raggiungimento dei 400 posti previsti. Moltissime sono state le richieste da tutta Verona. Precisa Bricolo: «Ci dispiace per gli esclusi, ma la particolarità di questa manifestazione e la diversità da altri eventi del genere più caotici sta proprio nel numero chiuso e nell'aver realizzato gruppi di massimo 60 persone in modo da poter dare un servizio di qualità. Solo con questi numeri le visite nelle cantine e le degustazioni potranno svolgersi con i giusti tempi permettendo di illustrare le diverse fasi del processo produttivo del Custoza».
Il ritrovo è per domenica nella piazza di Custoza con partenze dei 7 gruppi nei seguenti ordine e orario: ore 9 per il gruppo 1; 9,30; 10; 10,30; 11; 11,30 e alle 12 il gruppo 7. Il ritrovo di ogni gruppo è previsto 30 minuti prima della partenza. Il percorso di circa 6 chilometri è quasi completamente sterrato e quindi non adatto a paseggini e carozzine. La sosta in ogni cantina partecipante sarà di circa mezz'ora. Il menu proposto è unico e non suscettibile di variazioni. La manifestazione si terrà con qualsiasi tempo e non saranno rimborsate quote per mancata partecipazione.
Le cantine che verranno visitate sono: Aldo Adami dove si parlerà della vinificazione (con degustazione, grissino con prosciutto crudo e vino spumante Custoza doc); Villa Medici con argomento l'Ossario (degustazione, bruschette con olio Redoro e vino spumante Custoza doc); Tabarini con tema la pigiatura (degustazione sfoglia salata con Custoza doc); Antica Corte Bagolina dove si parlerà della vendemmia (degustazione, asparagi con uova e Custoza doc); Cavalchina con tema la fermentazione (gustazione, pasta e vino Custoza doc); cantina di Custoza dove sarà presentato l'imbottigliamento (degustazione, pasta e fagioli con vino «I Classici» Custoza doc); Tamburino Sardo con sul tappeto la storia di Custoza (degustazione porchetta e vino Custoza doc superiore); Cascina MontaDor con tema il Custoza Superiore (degustazione, formaggio fresco e vino Custoza doc superiore) e Gorgo dove si parlerà de Il disciplinare di produzione con degustazione formaggio stagionato, salame e Custoza doc San Michelin.
Le guide saranno coadiuvate dagli studenti dell'istituto don Milani e parteciperà all'iniziativa l'Ipsar Carnacina di Valeggio. I dati dei 400 partecipanti: maschi 192, femmine 208, bambini da 0 a 12: 90 (44 nella fascia d'età 0-6 e non computanti nei 400 posti a disposizione); età media iscritti (escludendo i bambini): 40 anni. Tutti gli esclusi chiamando l'Ufficio Cultura (numero 045.8971356/7) potranno lasciare il loro nominativo e saranno contattati per le prossime edizioni.
BIGtheme.net Joomla 3.3 Templates