Nuovo Doc per vini di carattere

La Doc Arcole nasce nel settembre 2000, raccogliendo un originale patrimonio di storia e viticoltura per qualificare ulteriormente un territorio di grande tradizione tra le province di Verona e Vicenza. Più di 4500 ettari di vigneto, 1500 imprese viticole, 21 amministrazioni comunali interessate, fanno della Doc Arcole una delle zone più interessanti nell'ambito delle qualificate produzioni enologiche del Veneto.

Un'importante realtà, che da anni è sul mercato con voglia di crescere. Oggi, i produttori che hanno deciso di investire in questa zona, puntano sul rinnovamento in vigna, rivedendo forme di allevamento e densità d'impianti, a vantaggio d' una grande qualità dell'uva. Non è un caso che quello dell'Arcole doc sia oggi il comprensorio col più alto tasso di rinnovamento viticolo nell'ambito della regione.

Qui i viticoltori propongono vini rossi di grande carattere, quali il Merlot e i Cabernets (anche riserva) e bianchi di grande complessità con nome di vitigno: Pinot Bianco, Pinot Grigio, Chardonnay, Garganega. In assoluto, però, è il Nero d'Arcole il vino più rappresentativo di questa Doc. Un vino che coniuga un metodo tipicamente veneto, quello dell'appassimento delle uve in fruttaio, con il taglio di stile bordolese, ovvero la miscelazione e il dosaggio dei vini cabernet sauvignon, cabernet franc e merlot che se ne ottengono.

BIGtheme.net Joomla 3.3 Templates