• Storia del vino

Proverbi sul vino

Raccolta di proverbi polari sul vino dalla tradizione vernacolare italiota che qualcuno si è preso la briga di raccogliere.

Proverbi sul Vino

Chi va via perde il posto all'osteria
Chi ch' va a Sant'Anna perd e' post a la scranna (Romagna)
Chi va a Sant'Anna, pérd al lug e la scrana (Emilia)
Chi aossa l'anca, perd la banca (Piemonte)
Chi alza el culo perde el scagno (Veneto)
Chi và 'n campagna, perde la scàgna (Lombardia)
Cui si susìu, locu pirdiù; cui s'assitau, locu truvau (Sicilia)
Chi vendemmia troppo presto, svina debol e tutto agresto
Chi vindammia trop prèst, svénna poc e tott agrèst (Emilia)
Chi vendummia trop prest a fa nen ed vin, a fa d'agrest (Piemonte)
Vendembia temporida, de spess la va fallida (Lombardia)
Chi vuole molto mosto, zappi la vigna d'agosto;
Chi vuole l'uva grossa, zappi la proda e scavi la fossa
Chi vuole tutta l'uva non ha buon vino
Chi zappa la vigna d'agosto, la cantina empie di mosto
A zapèr la veggna d'agasst, as rimpéss la canténna ed masst (Emilia)
Ca zappa la 'igna d'austu, piena la cupa di mustu (Sardegna)
Si vù assai mustu, zappa 'a vigna 'u misi d'agustu (Calabria)
Latte e vino, veleno fino
Vén e lat, vulain bèl e fat (Emilia)
Late e vin fa un bel putin (Veneto)
Làt e vì fà 'n bèl bambì, vì e làt fà 'n om mat (Lombardia)
Latti e vin, vilenu finu (Sicilia)
Latte su vino è veleno, ma vino su latte è buono per tutti.
Molti pampini, poca uva.

Non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca.
En s' pol avè la bott pina e la moj imberiaca (Marche)
Non è possibbele avere grieco e cappucce; la votta chiena e 'a mogliera 'mbriaca (Campania)
Non si può bere e fischiare.

Proverbi sul Vino

An s' pol bavvr e stufilèr (Emilia)
S'peur nen  beivi e subià, nen cori e fà bela gamba, nen cantà e portà la cros (Piemonte)
Ottobre, il vino è nelle doghe.
Ottobre: vino e cantina, da sera a mattina.
Quando il vino s'è fatto aceto, non serve cambiare il rudimento.
Quandu 'u vinu è fattu acitu, non serva si li cangi la canneddha (Calabria)
Quando la barba fa bianchino, lascia la donna e tienti al vino.
Quand che la berba la tir a e 'stupèn, lassa la dona e beda a e' ven (Romagna)
Quand la bèrba fa al stupén, lasa el don e tént al vén ( Emilia)
Co 'l cavelo trà al bianchin, lassa la dona e tiente al vin (Veneto)
Quando la bara la trà al bianchì, lassa la dòna e ciapa 'l vì (Lombardia)
A la barba grisulina a i veul suvens 'l gius d'la tina (Piemonte)
Abbecìne 'a sissantine, llasse i ffémmene e ppiglie u vine (Campania)
Vino al sapore , il pane all'odore.

El vin al saor, el pan al color (Veneto)
Lu vinu a lu sapuri, lu pani a lu culuri (Sicilia)
Vino buona è la tetta ( il bastone) (il latte) dei vecchi.
El ven l'è la tetta di vécc (Romagna)
Al vén é la tatta di vic' (Emilia)
Ol vi bu l'è 'l la tèta, di ec (Lombardia)
Al vin l'è la tetta di veg (Piemonte)
'O vino è 'o llatte d 'i viecchie (Campania)
Vino fa ballare i vecchi.
Vino fa buon sangue.

Proverbi sul Vino

De ven bon s' t'biré e' tu sangv t'arnuvaré (Romagna)
Ban vén fa ban sangv (Emilia)
El bon vin el fà bon sangu ma attenti: il vin a bon mercaat el menna l'omm a l'ospedaa (Lombardia)
El bon vin fà bon sangh (Piemonte)
Vino amaro, tienilo caro.
Vin amar, ten'lo car (Piemonte)
El vino amaro, tientelo caro (Veneto)
Vinu amaro, tenalu caru (Calabria)
Vino battezzato, non vale un fiato.
'O vinu adacquato fa l'ommo scialacquato (Campania)
Vino dentro, senno fuori.
Vi e saì no s'pol ai (Lombardia)
Vino e sdegno fan palese ogni disegno.
Vino vinello, tu sei rosso e bello l'estate stai in cantina al fresco e l'uomo fai parlà mezzo tedesco.
Vite in april potata, ha mai la sete al vignaiol levata.

BIGtheme.net Joomla 3.3 Templates